Je me fut

Memorie false di una vita vera

Con Rosalina Neri
Di Rosalina Neri, Cristina Pezzoli
Regia Cristina Pezzoli
Direzione musicale Alessandro Nidi
Al pianoforte Nicolas Nastos
Aiuto regista Luca Orsini
Assistente alla regia Semun Chang
Direzione tecnica Andrea Diana
Produzione Nidodiragno/CMC

Je me fut: uno spettacolo cantato e recitato in diverse lingue che trasfigura la storia autobiografica di Rosalina, le sue esperienze, gli ambienti culturali che ha attraversato.

Je me fut. Io ero. Ma anche per assonanza,  je me fous (du passé), me ne fotto (del passato), per citare un  verso della celeberrima Rien de rien della Piaf.

La drammaturgia è stata generata dai racconti e dalle affabulazioni di Rosalina sulla sua vita che sono stati  successivamente trasfigurati.

In una piazza qualunque di un qualunque posto una vecchia barbona seduta su una panchina, alternando francese, italiano, milanese, inglese, risponde ad un personaggio immaginario (che però per lei esiste) il ragionier Dior, che le chiede conto di cosa sia stata la sua vita per poterle dare un posto nel Grande Archivio del Mondo.

Risalendo il corso degli anni lei riavvolge il nastro degli eventi passati mischiando verità e finzione, vita dei vivi e vita dei morti.

Dal sacchetto della spesa della balorda clochard escono reperti misteriosi che animano i personaggi che l’aiuteranno a raccontare e a cantare la sua vita: una novantenne  Marilyn Monroe che racconta di non essere morta, ma di essersi nascosta in un convento di suore ad Arcisate -provincia di Los Angeles- per privare il mondo dello spettacolo osceno della sua vecchiaia. 

Una Cartomante stile Matrix che va in trance in cucina e parla con le anime dei morti in dialetto milanese ricevendo da loro dettature e confessioni e invettive. E l’Assassina Inventrice di Storie  che vaga tutte le  notti su un tram a Milano in un clima da noir…

Alla fine del racconto, l’invisibile personaggio, il ragionier Dio-r, al quale la barbona si è rivolta tutto il tempo, finendo anche per litigarci, manderà attraverso la Cartomante un verdetto sulla vita della balorda, il codice a barre da cui dipenderà la sua destinazione finale, il postoassegnatole nel Grande Archivio Digitale del Mondo….

La parte musicale, con la direzione di Alessandro Nidi, prevede un florilegio di canzoni che attinge al  repertorio di grandi autori italiani (Gino Negri, Fiorenzo Carpi, Dario Fo, Franco Fortini), accostati alle canzoni della Piaf fino ad incursioni su pezzi nuovi per Rosalina (Vasco Rossi, Jannacci ).

Questo progetto è nato per rendere onore alla grande carriera artistica e all’umanità di Rosalina.

Je me fut: Chi  ero? Chi sono io ? Sembra impossibile rispondere alla domanda di cosa sia una vita.

Per straordinaria o ordinaria che sia o sia stata, qualcosa eccede sempre l’unità di misura con cui proviamo a pesarla.

Impossibile definire un’identità umana in modo definitivo e autentico.

Tutto quello che raccontiamo di noi è profondamente falso. Truccato.

Rimesso in bella per ragioni di opportunità. O di inautenticità immunoresistente, bacillo indispensabile per la sopravvivenza della specie umana.

Parlano per noi le cose  che abbiamo fatto?

Le azioni che abbiamo compiuto  dicono chi siamo stati? Parzialmente sì. Forse.

Ma più di tutto parlano di noi le nostre bugie. I nostri trucchi. Le omissioni. E tutte le cose non dette mai. A nessuno.  Quel silenzioso fiume di segreti involontari che costituisce la nostra vita interiore: immagini, briciole di sensazioni, frame di ricordi e di paure che moriranno con noi e cui solo  l’arte può provare a dare una forma o un format, raccogliendo  il prezioso messaggio in una bottiglia e lanciandolo  tra le onde di oceani sostanzialmente indifferenti ai fragili  indizi delle vite umane…

 

Rosalina Neri si lancia con straordinaria vitalità e con l’entusiasmo di un’adolescente in una nuova avventura per mascherarsi e smascherarsi.
Cristina Pezzoli

Galleria fotografica